Fase 2: ripartiamo in modo corretto, senza ansia e panico

Dal 4 maggio le restrizioni della quarantena stanno via via diminuendo. Questo grazie agli enormi sacrifici che noi, come Italiani, abbiamo fatto per rispettare le regole e la salvaguardia della salute nei mesi precedenti.

Ora il punto principale è che bisogna ripartire. Lo stato sta legiferando per supportare tutte le persone in difficoltà. Ma i primi che devono impegnarsi per ricominciare siamo noi stessi.

Questo articolo è stato scritto per la rivista online Humanitas Salute.

Affronto con suggerimenti e spunti, come ripartire senza ansia e panico. 

Fase 2: ripartiamo senza ansia. Ecco la prima parte dell’articolo del sito Humanitas Salute:

Dal 4 maggio siamo entrati ufficialmente nella cosiddetta “fase 2”, caratterizzata da una graduale e controllata ripresa della nostra quotidianità.

Le incertezze e le paure rimangono: è normale che il non sapere ciò che succederà faccia aumentare l’ansia. 

Se liberarcene è difficile, certo possiamo fare qualcosa per attenuarla: il dottor Francesco Cuniberti, specialista del Centro per i disturbi d’ansia e di panico di Humanitas San Pio X, ci spiega come fare.

Francesco Cuniberti

Francesco Cuniberti

Medico Psichiatra

Sono uno Medico specializzato in Psichiatria nel Dipartimento di Neuroscienze “Rita Levi Montalcini” a Torino.

Lavoro nel team guidato dal Prof. Giampaolo Perna come Assistente alla Ricerca presso il Dipartimento di Scienze Biomediche – Humanitas University a Milano e come psichiatra clinico nel “Centro di Medicina Personalizzata sui Disturbi d’Ansia e di Panico” presso la Casa di Cura San Pio X Humanitas a MilanoInoltre, sono Assistente alla Ricerca presso il Dipartimento di Neuroscienze Cliniche presso la Casa di Cura Villa San Benedetto Menni – Suore Ospedaliere a Como.

Mi occupo principalmente di Disturbi d’ansia, di Panico e di Depressione