Coronavirus e smart working.

Siamo bloccati in casa da questa pandemia. Uno dei cambiamenti della nostra routine quotidiana è il modo di lavorare. Coronavirus e smart working, è un vantaggio?. Sarà in grado rivoluzionere il nostro modo di lavora una volta che torneremo alla normalità?.

Questo è articolo è statoscritto per la rivista online della Casa di Cura San Pio X – Humanitas (Milano). Affronto il tema dello smart working, la nuova modalità di lavoro in questo periodo di pandemia.

Vi invito a leggere l’articolo completo sul sito di Humanitas San Pio X dove lavoro come psichiatra presso il Centro di Medicina Personalizzata per i Disturbi d’Ansia e di Panico

Corona virus e Smart Working: Ecco l’articolo:

“Non l’avevamo previsto, ma il Covid-19 ha aperto le porte dello smart working per decreto a milioni di italiani: una necessità per fermare il contagio e la diffusione del coronavirus. 

Ma è anche un’esperienza nuova che può risultare difficile sia per la mancanza di contatti personali, sia per l’ambiente (casa) in cui ci si trova a lavorare.

E’ quindi necessario imparare velocemente a gestire e non farsi sopraffare da un modo di lavoro che ha fatto saltare letteralmente le routine legate al lavoro, e richiede una nuova e diversa gestione del tempo.

Affrontiamo l’argomento con il dott. Francesco Cuniberti, psichiatra presso il Centro di Medicina Personalizzata per i Disturbi d’Ansia e di Panico

«Lo smart working ai tempi di COVID-19 prevede che il tempo del lavoro e della vita personale avvengano nello stesso ambiente, la casa, per tutto il giorno – spiega l’esperto -.

Questo richiede la capacità di gestire il proprio tempo e creare un ambiente che minimizzi le distrazioni, evitando anche che familiari e amici possano disturbare il tempo del lavoro da casa o possano considerarlo come un “non lavoro”.

Organizzare la giornata di lavoro a casa migliora le prestazioni e tiene alla larga lo stress, nonché il senso di frustrazione da isolamento.”

Francesco Cuniberti

Francesco Cuniberti

Medico Psichiatra

Sono uno Medico specializzato in Psichiatria nel Dipartimento di Neuroscienze “Rita Levi Montalcini” a Torino.

Lavoro nel team guidato dal Prof. Giampaolo Perna come Assistente alla Ricerca presso il Dipartimento di Scienze Biomediche – Humanitas University a Milano e come psichiatra clinico nel “Centro di Medicina Personalizzata sui Disturbi d’Ansia e di Panico” presso la Casa di Cura San Pio X Humanitas a MilanoInoltre, sono Assistente alla Ricerca presso il Dipartimento di Neuroscienze Cliniche presso la Casa di Cura Villa San Benedetto Menni – Suore Ospedaliere a Como.

Mi occupo principalmente di Disturbi d’ansia, di Panico e di Depressione